Allegri: “Facile essere belli…”

Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha voluto parlare della sfida scudetto di questa stagione e di come sia semplice giocare bene a calcio e complicato vincere, lanciando una frecciatina a Sarri e al suo Napoli: “Essere belli è facile, il difficile è vincere, l’albo d’oro è ciò che conta” ha detto a Tuttosport. Su Dybala: “E’ un giocatore molto forte, ma non so se sia il più talentuoso che abbia allenato, visto che non posso non citare Pirlo, Ronaldinho, Robinho, Cassano e Ibrahimovic. Deve crescere molto, ha solo 23 anni, ma da quando è arrivato è già migliorato. Non è un centravanti, farebbe troppa fatica a giocare in quel ruolo”. Successivamente parla di Bernardeschi, approdato in maglia bianconera nel mercato estivo: “Anche lui deve crescere, anche se a Bergamo ha giocato bene. Ogni palla alla Juve è però importante, non si possono fare errori come in squadre di media classifica. Tutti i giocatori devono affrontare questa novità quando arrivano in un top club e se non riescono a fare il salto significa che non sono da grande squadra”, poi ha aggiunto: “L’aspetto caratteriale conta moltissimo. Per vincere non basta essere bravi”. Allegri parla delle avversarie della Juve e si dice non essere preoccupato e che le stagioni si decidono a marzo: “Dobbiamo pensare a noi stessi e dobbiamo fare un certo numero di punti”. E all’ennesima domanda sul V.A.R. la risposta del tecnico è fredda e decisa: “Sono favorevole”. Ritorna quindi il campionato con l’8a giornata e con la sfida scudetto a distanza tra Juventus e Napoli, con i bianconeri che ospiteranno la Lazio e i partenopei che andranno all’Olimpico contro la Roma.